Danni di un sito lento

“La velocità è la forma di estasi che la rivoluzione tecnologica ha regalato all’uomo”

(Milan Kundera)

In un mondo che viaggia a velocità supersoniche, con ritmi frenetici e zero tolleranza alle attese, anche i siti devono allinearsi a questi standard pena la loro fruizione da parte dei naviganti.
La velocità di caricamento dei siti web, nonostante sia di cruciale importanza, risulta troppo spesso trascurata.
Fermo restando che, in un ottica più romantica, ogni cosa ha il suo tempo, nel mondo del web questo tempo è piuttosto stretto!
Gli utenti chiedono siti veloci più di quanto immaginiamo. Si stima infatti che la soglia di tollerabilità è di appena 2 secondi dopo di che la tendenza è quella di abbandonare la pagina e spostarsi su altri siti.
Dicevamo tempi stretti. Anzi strettissimi se pensiamo che per una sequenza respiratoria completa ne impieghiamo di più! Meno del tempo di un respiro e…click! Frustrati e annoiati abbiamo già voltato la pagina successiva.
La scarsa velocità di caricamento delle pagine on line incide in modo negativo su vari aspetti: posizionamento sul motore di ricerca Google, minor navigazione tra le varie pagine del sito, abbandono dell’e-commerce e minor numero di Download effettuati.
Inoltre, avere un sito rapido contribuisce a dare l’immagine di un azienda seria ed efficace che “sta dietro” la piattaforma, variabile questa fondamentale per la fidelizzazione del cliente e per le vendite.
Occorre quindi ridurre tempi di attesa. La nostra equipe di professionisti del web dà sempre assoluta priorità a tale aspetto in fase di progettazione e realizzazione. Lavoriamo cioè tenendo ben a mente il motivo per cui nasce un sito web: crescita e decollo del business aziendale.

condividi :