Come scegliamo la foto del profilo social

Ogni utente sceglie un immagine piuttosto che un’altra per presentarsi in veste social. Stessa cosa accade per le pagine aziendali. Ciascuno ha quindi la possibilità di decidere cosa mostrare di sé in rete e cosa tenere nascosto. Questo, considerando l’importanza che ha la prima impressione nel giudizio che riceviamo dagli altri, sembra essere un aspetto non trascurabile quando si creano profili o pagine aziendali. Oltre che in base alle proprie caratteristiche di personalità, la scelta della foto sembra risentire anche di variabili culturali. A confermarlo è un recente studio pubblicato su International Journal of Psychology: gli utenti occidentali (cultura individualista) tendono a preferire immagini in primo piano che si focalizzano sul viso del singolo individuo rispetto agli utenti orientali (culture collettivistiche) le cui foto di profilo includono maggiori caratteristiche del contesto cioè del background che sta attorno alla persona ritratta nella foto.

Una considerazione simile può valere anche per le aziende che intendono pubblicizzarsi sui Social Network. Gli stili pubblicitari seguono quelli della comunicazione interpersonale presente nella cultura di appartenenza. Così, nelle culture occidentali come quella statunitense, la pubblicità ha un valore esclusivamente persuasivo: le aziende scelgono immagini di profilo focalizzate sul proprio logo o sul prodotto da vendere. Nelle culture orientali invece, la pubblicità deve essere piacevole e apprezzata allo scopo di riuscire a costruire relazioni di fiducia tra l’azienda e il consumatore. Coerentemente, l’immagine del profilo sarà più neutrale e svincolata da logiche legate alla sola vendita.

condividi :